Olivetti retro advertising

Dattilografe con la nuova macchina da scrivere Olivetti 1927

Un interessante riepilogo (del luglio scorso) sull’andamento della nostra economia negli ultimi anni da parte di Reuters US, in un articolo che parte raccontando di Olivetti per poi chiedersi com’è che siamo conciati così:

Ivrea offers a window into a nationwide economic reversal that has few real parallels in the developed world. Italy’s economy has barely grown since 1994 and has shrunk since 2000. That is worse than any other country in Europe or any of the 34 rich and developing nations in the Organisation of Economic Co-operation and Development.

Economists look at a mix of factors to explain the long-term rise of the world’s emerging economies: population and employment trends; private and public investments; the productivity of workers; and the strength of a state’s legal, administrative and institutional environment. On each one of these counts, Italy has regressed since the 1980s.

Continue Reading…

Diario de Tarifa

dottavi —  11 August 2014 — Leave a comment

castillo-guzman-tarifa

Qui la vita è:

Mi sveglio e mi faccio un caffè (con la moka). Lo bevo guardando il porto e le palme davanti casa oppure il Castillo Guzmàn e l’Africa, dall’altra parte (ho quattro finestre d’angolo).

tarifa-casco-historico

C’è rumore perché stanno facendo i lavori e qui è centrale, ma non mi dà fastidio. Sono cresciuto nell’angiporto di Sampierdarena, figurati, gru e Caterpillar mi piacciono. Dopo il caffè è il momento in cui dovrei scrivere ma cazzeggio, o dormicchio. Chissenefrega. Continue Reading…

morozov-mondadori-internet-non-salvera-il-mondo

All’incontro con Evgeny Morozov, già noto come “Critico dell’Internet”, sono andato molto incuriosito ma anche, devo ammettere, più che scettico: prevenuto. Sono “Un po’ stanchino” delle solite critiche facilone. Ma non è il caso di Morozov. Le osservazioni che fa sono molto piccanti. Definito su Wikipedia “A writer and researcher of Belarusian origin who studies political and social implications of technology”, è un economista di studi americani (Stanford, tra le altre) ed è quindi anche un’interessante voce fuori dal coro, oltre che persona di argomenti importanti. Legge la Rete davvero in termini di Economia, Sociologia, Politica, perfino Religione. E soprattutto si è innervosito quando gli ho citato Mc Luhan, rispondendomi stizzito: “La lettura della Rete attraverso la Teoria dei Media è limitata e riduttiva”. Perdindirindina. Interessante. Continue Reading…

A-short-History-of-Open-Source

“From operating systems to development tools and programming languages to browsers and thousands of utilities and applications, Open Source has led the way. Now, discover the movement’s history”, dicono in questa infografica che riassume molto bene la storia del movimento Open Source. E concludono con un quote:

“While social change may occur as an unintended by-product of technological change, advocates of new technologies often have promoted them as instruments of positive social change.” – Joel West

Notevolissimo.  Continue Reading…

Yoda

La slide con cui chiudevo la presentazione Startup Life dell’anno scorso. “Perseverance. Do Or Do Not. There Is No Try”. Particolarmente bello il dialogo “Perché hai fallito”Continue Reading…

Birth of Silicon Valley, from Fairchild Semiconductors
Prima di Intel:

In 1957, eight entrepreneurs decided to do something that seemed crazy. They launched a new tech company called Fairchild Semiconductor in a small town south of San Francisco. The entrepreneurs had a difficult start, but Fairchild eventually became the first major computer chip company in the region.

E così è cominciato tutto.

via The First Trillion-Dollar Startup | TechCrunch.

first-world-war-web-documentary-the-guardian

Bello, benché terribile, il web-documentario sulla Prima Guerra Mondiale del Guardian.  Continue Reading…

cenerentola-con-le-faccine-di-whatsapp

Fenomenale. Cenerentola reinventata a emoticons su Whatsapp da due ragazze di 13 anni. Screenagers, decisamente.

Young_Linus-torwalds-inventor-of-linux

“This is a program for hackers by a hacker”, dice Linus Torwalds alla fine del messaggio con cui presenta la versione 0.02 di Linux – ovvero la prima funzionante. Era il cinque ottobre del 1991, e del nome Linux non c’è ancora traccia.

Do you pine for the nice days of minix-1.1, when men were men and wrote their own device drivers? Are you without a nice project and just dying to cut your teeth on a OS you can try to modify for your needs? Are you finding it frustrating when everything works on minix? No more all-nighters to get a nifty program working? Then this post might be just for you :-) Continue Reading…

kafka-Gregor-ist tot_chaovsky

E’ da parecchio tempo che mi interrogo su come riprendere a scrivere. Anche se, ovviamente, la domanda principale è perché. Fatto sta che in questi mesi mi è capitato di incontrare diverse piattaforme che, in un modo o nell’altro, pretendono tutte di “Reinventare il Publishing”, o giù di lì. Come se il tool facesse la differenza. O meglio: certo, il contesto influenza il contenuto. E il canale distributivo altrettanto. Ovvio, viviamo nell’Era di Mc Luhan. Va da sé che i contenuti devono essere progettati per i loro ambienti naturali.

Ma insomma se anche non ci è chiaro cosa scrivere, ecco qualche esperimento che tenta di dare nuovi stimoli e capire dove si è andato a nascondere il valore.  Continue Reading…

Crocodile-in-the Yangtze-film-about-jack-ma-alibaba-founder

Parrebbe avvenga il 1° settembre la giant IPO di Alibaba, prevista per una ventina di miliardi di dollari. Una mostruosa quotazione in borsa per un mostro dell’Internet mondiale. Lo definiscono “The Chinese e-commerce giant” ma in realtà è molto di più, un po’ come Amazon + eBay + PayPal + pezzi di Google + Dropbox + WhatsApp + Twitter, Spotify, Hulu… Si vede bene in questa scheda:  Continue Reading…

Alain Laboile photographer - Children

Se sei fotografo, hai un altro approccio nel ritrarre i tuoi bimbi. Soprattutto se ne hai sei. Alain Laboile ha raccontato la sua famiglia con uno stile del tutto personale. Continue Reading…