We-Sport: Il Social Network degli Sportivi

fyborg —  18 January 2010 — 20 Comments

Si era già parlato di questa applicazione online in questo articolo relativo allo Start-up Hack di Torino, dove è stata premiata come miglior progetto del contest (qui il resoconto dell’evento).

We-sport è un interessante servizio definibile come un social network pensato per gli sportivi. Il sistema è molto semplice, chiaro ed efficace. In sostanza il suo scopo è quello di far incontrare gli utenti all’interno del network, per raccontare le proprie attività sportive così da poterle condividere incontrandosi anche nella vita reale. Come? E’ molto semplice, come detto.

cartinaCome ogni applicazione, ci viene richiesta una registrazione (gratuita) e di compilare il nostro profilo. A parte le solite informazioni base, il focus di questo network è basato sullo sport e sulle attività sportive che l’utente svolge. Ci viene quindi chiesto di indicare i luoghi e gli orari dove pratichiamo le nostre attività e, ovviamente, la disciplina (o discipline) praticata. In questo modo è possibile individuare nel network gli altri utenti che attorno a noi, o nei luoghi da noi stessi frequentati (ad esempio il parco del paese dove andiamo a fare jogging la sera), praticano le stesse attività sportive. E’ disponibile un elenco dei nomi degli utenti e le loro informazioni e una mappa con dei tag per individuarli graficamente. In questo modo è facile intuire come si possano contattare gli utenti e incontrarsi nella realtà, nei luoghi frequentati per l’allenamento, per svolgere insieme l’attività (accordarsi su luogo d’incontro, orario…). E’ inoltre possibile creare degli eventi, visibili anche loro sulla mappa attraverso un tag di colore diverso, per organizzare occasioni particolari o pubblicizzare un evento sportivo (ad esempio un torneo, un raduno, un allenamento collettivo…).

Trovo molto interessante il fatto che questo (social) network concentri l’attenzione sul dare la possibilità agli utenti di trovarsi all’interno dell’applicazione virtuale con lo scopo di incontrarsi poi nella vita reale e condividere insieme l’attività sportiva. Un bell’esempio a mio avviso di come le applicazioni virtuali possano diventare (e diventano) sempre più vicine e parallele alla vita reale delle persone. E così il network di amici virtuali trova il suo preciso scopo nel favorire l’incontro reale, nel contesto dell’attività sportiva.

Dal punto di vista della salute fisica, diventa certamente un ottimo stimolo a praticare sport trovando persone con cui svolgere insieme il nostro allenamento. Pensate a quante volte con gli amici non si riesce a organizzare una partita a calcetto per mancanza di giocatori, o quante volte si comincia ad allenarsi a casa propria e si abbandona per noia. Oppure a quante volte si va a fare jogging al parco e si incontrano-incrociano le stesse persone innumerevoli volte senza magari scambiarsi mai una parola.

Sulla home page del sito c’è lo slogan “Noi lo facciamo insieme!”. Mica male come possibilità, non trovate?

fabio

homepage

fyborg

Posts

20 comments
Marco
Marco

Forse manca anche soccerleague.it saluto Andrea Lelli di Konkuri... e vi dico che il primo sito che si afferma farà, volente o nolente piazza pulita. entro fine anno grandi news, state in contatto! ciao! M.

Gianpaolo
Gianpaolo

Possiamo anche aggiungere che fubles ha acquisito bizoona.

dottavi
dottavi

rileggendo questo post mi accorgo che manca http://www.konkuri.com/. e così abbiamo fatto più o meno l'en plein delle iniziative italiane nel... campo :)

TheOldMan
TheOldMan

IL MIGLIORE DI TUTTI ?! -------------------- Sicuramente WWW.CALCIODEIPOLLI.COM L'interfaccia grafica "lascia un po' a desiderare", ma la cosa è voluta, è studiata a tavolino... ve l'assicuro; fra qualche anno sarà di moda; adesso è troppo presto perché voi la possiate capire fino in fondo ! Ps Chi ha scritto questo messaggio potrebbe essere uno dei fondatori di www.calciodeipolli.com . :-) Ps" Grazie Alberto di averci citati... nel nostro piccolo, siamo stati veramente fra i primissimi... poi... lavoro, famiglia, bambini, responsabilità etc...

fyborg
fyborg

Ciao Mirko, mi fa piacere vedere come si sia acceso il dibattito e che ci siano così tanti commenti, opinioni, spunti.. Ma riguardo al tuo ultimo commento e la frase "Mi sono limitato a sottolineare la scarsa solerzia dell’autore nel guardarsi in giro prima di annunciare qualcosa di nuovo nel panorama" mi pare ti abbia risposto più che chiaramente Alberto agli inizi di questa lunga serie di post, puntualizzando quale fosse lo scopo dell'articolo e di quale occasione si stesse parlando. Il dibattito è bello e interessante e sono contento se andrà avanti ulteriormente, ti chiedo però di evitare commenti di questo tipo in quanto fuori luogo. Per il resto, concordo con Alberto per il bel contributo e le informazioni fornite nel resto del tuo commento. grazie, ciao f

Gianpaolo
Gianpaolo

Cos'è lo scontro tra titani? :D Visto che Mirko nel suo mega-post me lo chiede li tiro fuori tranquillamente i dati :) CalcettoItaliano nasce il 21 settembre 2009, ad oggi ci sono 1800 giocatori che hanno giocato almeno 1 partita e il rapporto utenti iscritti / utenti fedeli (almeno 5 partite giocate) è il più alto in assoluto in Italia. Anche il rapporto utenti iscritti / partite giocate (circa 300 al mese) è il più alto in assoluto. Il discorso età media: circa 24. Simpaticissimo il link segnalato da Mirko: www.calcettopalermo.com , dico simpaticissimo perchè sembra di rivivere i primi passi di calcettopisano (papà di italiano..). Gli awards con nomi uguali, l'esagono delle caratteristiche.. Diciamo che per originalità non spicca via :D

dottavi
dottavi

Mirko sorry il tuo commento si era incastrato nello spam. grazie per il contributo (ma manteniamo la calma eh :)

Marco Ivaldi
Marco Ivaldi

Grazie! da parte "dei ragazzi che sono dietro questo bel progetto che è we-sport" Marco

Mirko Trasciatti
Mirko Trasciatti

Sono Mirko Trasciatti, CEO di FUbles Sono anche lo stesso MT che ha scritto il primo commento. La stizza che ho lasciato trasparire nel mio commento non è certo legata al fatto di biasimare una qualche visibilità ricevuta dall'ultimo arrivato nell'arena dello sport sharing. Di siti come Fubles o calcettoitaliano ne stanno nascendo sempre di più. Buon segno: vuol dire che è un bisogno sentito è diffuso. Mi sono limitato a sottolineare la scarsa solerzia dell'autore nel guardarsi in giro prima di annunciare qualcosa di nuovo nel panorama. IN ogni caso mi ributto nella discussione per puntalizzare alcune cose dette su Fubles che secondo me non corrispondono al vero. Per Marco - E' sconfortante sapere che tu abbia scoperto Fubles solo dopo la vostra ricerca approfondita. Vuol proprio dire che il sito non si trova facilmente e che va avanti soprattutto di passaparola. - Non mi è chiaro esattamente dove manchi a Fubles l'abbinamento sport-orario-calendario-abilità-localizzazione. Nel senso: a noi risulta! - FUbles già da un anno permette la pratica degli altri sport oltre al calcio. Si può giocare anche a basket o tennis e si gioca pure...ma come sai... qui tira il calcio e calcetto. per Gianpaolo Concordo perfettamente su quali siano gli indicatori che contano per capire se un sito funziona veramente. Non solo il numero di iscritti ma sopratutto: - quante partite si giocano (su Fubles oltre 500 al mese) - Quante persone hanno effettivamente giocato una partita (quasi 4000!) Per questo abbiamo deciso di metterli in homepage. Parlano da soli e spiegano Fubles meglio di qualsiasi altra cosa. Insomma Fare un Fubles non è difficile, fare girare un Fubles è l'impresa. In questo, i miei complimenti vanno a Gianpaolo e i suoi che, per quanto lui ci tenga a marcare la differenza, io considero la realtà con lo spirito più simile al nostro. Ci distingue un posizionamento ed una età media diversa. Un pochino più goliardici voi, un po' più usabili noi (parere mio). La nostra età media (30 anni) credo che sia più alta, ma solo Gianpaolo ce lo può confermare. A Marco invece posso solo fare gli auguri per ora e magari dargli una mano a fare un benchmark più approfondito per capire quali sono i fattori di successo di un sito di sport sharing. Qui sotto una lista di siti italiani e stranieri da mettere a confronto. Non ci crederete, ma quelli che funzionano davvero, cioè che fanno giocare, sono proprio i nostri! Nei pick up gamers generalisti invece non si muove un pallone. P.S siete tutti invitati a partecipare al nostro primo torneo di calcetto su tutto il territorio nazionale. Potreste giocare le finali all'Old Trafford! ITALIANI www.fubles.com www.calcettoitaliano.it www.bizoona.org www.calcettofacile.it www.sigioca.it http://www.calcettopalermo.com/ www.partitina.it http://www.calciodeipolli.com/ http://it.sportella.com/ (la novità di oggi!) STRANIERI http://sportsvite.com/ http://www.teamsnap.com/ http://www.rosterbot.com/ http://www.easyteammanager.com/ http://www.redzoneleagues.com/redzone http://www.yourteamonline.ca/ http://www.sportsdrive.com/ http://zoosse.rampinteractive.com/ http://www.showoffsports.com/ http://infinitesoccer.com/ http://www.socster.com/ http://www.tourneycentral.com http://www.timu.com http://www.orangeslices.com http://sportspassion.com/welcome http://www.active.com/ http://www.myteamcaptain.com/ http://www.myezteam.com/pages/home http://www.weplay.com/ http://www.teampages.com/ http://www.tennispoint.com/ http://www.soplayme.com.au/

Gianpaolo
Gianpaolo

Dimenticavo: da parte mia un grosso in bocca a lupo ai ragazzi che sono dietro questo bel progetto che è we-sport.

Gianpaolo
Gianpaolo

Interessante quest'articolo ed è bello sapere che idee come queste vengano premiate. Sono tra i fondatori di calcettoitaliano, che con orgoglio vedo citato da dottavi. Ci tenevo a ringraziarlo ma anche a rispondere ad un'affermazione di Giovanni Arrighi: "Così come pochi sanno che quando fubles esce con una nuova funzione improvvisamente compare anche sugli altri.." Hai informazioni sbagliate a riguardo, Calcetto Italiano ( http://www.calcettoitaliano.it ) oltre ad avere uno spirito diverso, ha molte più funzionalità. Capita che ce ne siano uguali ma ti invito a confrontarle, guardando anche chi l'ha tirata fuori prima :) Inoltre il dato degli iscritti non è molto importante, e lo dico proprio da admin. Ciò che conta è quante partite si gioca.. inutile avere mille, duemila, 50mila iscritti se poi lo strumento non viene sfruttato per quello che è.

Marco Ivaldi
Marco Ivaldi

Grazie Andrea, non mancare di darci i tuoi suggerimenti! miglioriamo we-sport insieme... (we do it togheter....)

andrea
andrea

sn nuovo ma mi piace questo social.network

Marco Ivaldi
Marco Ivaldi

Salve a tutti, so che è passato molto tempo dall'uscita dell'articolo e dai relativi post ma sono stato molto impegnato e non sono riuscito a rispondere per tempo, inoltre cerco sempre di tenermi lontano dalle diatribe che nascono in rete. Vorrei solo segnalare una cosa, e la segnalo con competenza essendo il fondatore di we-sport. Quando è nato il progetto, giugno 2009, abbiamo fatto per diversi mesi una ricerca approfondita su servizi simili, o siti che avessero già avuto la nostra idea. Ci siamo affidati poi ad un legale che analizzasse con imparzialità la questione e ci desse una opinione. Solo a quel punto abbiamo fatto una spedizione in corso d'opera del primo codice di we-sport ( che allora aveva un nome diverso) Non avevamo trovato assolutamente nulla di uguale in altri siti ( non che questo sia una vergogna, visto che è impossibile brevettare un'idea sul web) perchè il match tra sport-orario-calendario-abilità-localizzazione non veniva fornito da nessuno. Un solo sito americano forniva una mappa in cui erano visualizzabili gli eventi sportivi nazionali. Siamo venuti a conoscenza di fubles proprio durante lo start up, e mi spiace che in molte occasioni ed in molti siti siamo stati tacciati di aver copiato qualcosa, quando non ne conoscevamo neanche l'esistenza. Ci era stato comunicato il suo utilizzo per il calcetto.E proprio per questo assolutamente diverso dall'utilizzo che invece prospettavamo noi per we-sport. Detto questo spero di aver chiarito alcune questioni, disponibile a qualsiasi confronto e soprattutto a dimostrare da giugno 2009 di aver già improntato il sito we-sport intorno alla sua mappa e ai duecento sport indicizzati. Un saluto M.Ivaldi

dottavi
dottavi

Ciao tutti. Grazie per i contributi, però andiamoci piano: 1. We-Sport è stato premiato a un workshop su una decina di progetti universitari. Non era un contest nazionale, non si parlava di sport, si parlava di università e fare impresa. Trovate info in questa pag http://www.infoservi.it/iniziative, ref: I Realize Startup Hack e Tesicamp 2. Quindi la nostra attenzione era su questo, non sul tema "Siti di sport 2.0". Una segnalazione, non una valutazione 3. E' comunque vero che quando si parla di un servizio si confronta con gli altri. Se cercate fra i circa 1.400 post pubblicati da questo blog in questi quattro anni di vita troverete molti casi in cui questo è stato fatto. Anche perché io i benchmark li ho sviluppati proprio, in tanti anni di riviste di informatica. Però, ripeto, non era questa l'intenzione in questo caso 4. Prima di questo commento ho scritto prvt a Marco (M.A.) chiedendo lumi sul perché del tono, che non avrei tollerato in ogni caso se non mi avesse risposto così: "Grazie per avermi scritto ed esserti interessato alla mia opinione. Di siti simili a We-Sport in Italia ce ne sono già tantissimi, da Fubles a Bizoona, da CalcettoItaliano a Sigioca (solo per citarne alcuni). Io sono iscritto su tutti ma non ti nascondo che gioco solo su Fubles, per il quale ho 1 preferenza come sistema ed una passione come utente. Una passione sincera perché apprezzo tutto quello che quei ragazzi fanno per noi, per farci giocare e divertire … personalmente credo che la reale innovazione in tutto questo non stia tanto nel costruire la piattaforma (neanche tanto complicata) bensì nel riuscire a farla funzionare, creando un sistema affidabile con una community credibile. E’ per questo che mi sono rotto le scatole (perdonami il termine) di vedere sempre articoli che annunciano dell’uscita di un nuovo servizio quando di nuovo non c’è niente … su fubles io gioco in puglia ma ho tanti amici che lo fanno a milano e bologna e non smettono di ringraziarmi per il sito che gli ho segnalato. A quanto pare (vedi blog di fubles) siamo in 7000 tutti che amiamo quanto questi ragazzi lavorano “per noi” (pochi gg fa sono usciti con un'altra nuova versione) e sono sicuro che continueranno ad andare alla grande perché hanno già conquistato il nostro rispetto e la nostra passione. Chiedo scusa se ho usato un tono non adeguato ma vedere inoltre che vengono premiate, in una competizione di innovazione, idee “fotocopia”, mi ha fatto innervosire doppiamente. Non volevo offendere nessuno ma semplicemente esprimere la posizione di uno come me che il settore lo segue attentamente da tanto tempo" 5. Quindi... grazie per le segnalazioni. Io, con l'aiuto di Fabio e altri amici, seguo da tempo lo sviluppo del nuovo Web in Italia, ma confesso di non saperne di sport. Come detto, ho conosciuto We-S per un giro di iniziative universitarie perché mi occupo di questo e startup, e da tempo segnalo le novità in questo... campo Di Fubles avevo solo sentito parlare, doppio piacere per averne saputo di più. Magari riusciamo a farne anche recensione (comparativa, questa volta), a meno che non abbiate voglia di farla voi che lo conoscete bene :)))

Giovanni Arrighi
Giovanni Arrighi

Interessanti i vostri punti di vista ed interessante è premiare l'originalità, ma da utente e giocatore di www.fubles.com vi posso garantire che tolto il google connect, tutti i servizi che avete citato con geolocalizzazione, distanza degli utenti dal centro sportivo etc, fubles ce li ha.. e il bello è che ha almeno una ventina di funzioni in più. La verità in tutto questo è che pochi blog "tecnici" come il vostro fanno un vero benchmarking.. Pochi sanno che chi sta tracciando la strada in questo settore è fubles e pochi ne parlano. Così come pochi sanno che quando fubles esce con una nuova funzione improvvisamente compare anche sugli altri.. we-sports altro non è che l'ennesimo clone che come tutti gli altri finisce sotto i riflettori perchè ha partecipato a questo o quel contest.. ma ancora nessuno di voi da buon benchmarker parla di ciò che funziona e che magari potrebbe essere utile a chi legge.

M.T.
M.T.

Ciao Secondo me non è una questione di definizione di originalità Ci sono alcuni blog dove se viene fatta una recensione di un nuovo sito o servizio e non vengono citati siti simili, similari, o affini allora il lettore ha la precisa sensazione che quel servizio sia attualmente l’unico nel panorama. Mi viene in mente Tech Crunch dove c’è sempre in coda o affianco l’elenco delle start up che operano nello stesso settore… se ne mancano alcune vedi riempirsi i commenti di segnalazioni. Il vero sforzo nel fare una recensione consiste non tanto nel rieditare delle info o del materiale che probabilmente (e giustamente) ci è stato fatto avere dalle persone del sito ma anche trasmettere la consapevolezza di cosa è veramente se non nuovo almeno innovativo, diverso. Qualcosa che lo distingua in termini di funzionalità, usabilità etc. Per esempio we-sport rispetto ai suoi simili italiani (ce ne sono almeno una decina) ha la versione in inglese… oppure usa il gmail connect (solo e soltanto il gmail connect!) Raccoglie una marea di sport mentre altri soltanto il calcetto. Il sistema segnala agli altri il punto esatto in cui si trovano i potenziali compagni di sport etc, che può essere un pro ma potrebbe ritorcerglisi contro. I punti a sfavore sono sicuramente il fatto che è indietro di 3-4 anni rispetto ad almeno altre 4-5 community ben insediate in Italia e che contano migliaia di iscritti e giocanti. Insomma questa parte, del fare informazione, quella del verificare e fare dei benchmark è la parte più faticosa ma dal mio punto di vista è la più importante per chi vuole farsi uno zoccolo duro di followers.

fyborg
fyborg

M.A. ciao, grazie per il commento. Rispetto la tua idea, ma vorrei rispondere con un paio di considerazioni. Innanzitutto nessuno ha detto che questo sia l'UNICO servizio di questo tipo disponibile sulla rete. E comunque sfido a trovare prodotti UNICI nel senso vero del termine (non parlo di eccezioni, ovviamente, che ci sono sempre). E se appunto ci sono servizi simili, il che è certamente vero, è vero per tutti i tipi di servizi che si trovano sulla rete. E gli utenti scelgono quali usare e quali no. Molti sono servizi ASSOLUTAMENTE simili (quasi uguali) che si spartiscono gli utenti (che spesso comunque hanno un account su entrambi i servizi). Un esempio fra tutti? Blog e social networks. Ne esistono a bizzeffe e sono pochi quelli che non hanno un account aperto su più piattaforme o che usano unicamente un solo servizio. Idem per gli istant messaging (che sono tutti "uguali", in sostanza) e così via dicendo. Certo poi un'applicazione può diventare un colosso come Facebook o scomparire nel nulla. Ma qui si parla di un'idea valida -per me almeno lo è, ma qui ognuno ha giustamente la sua opinione personale- (il che non significa necessariamente ORIGINALE in assoluto -cos'è originale in assoluto?-). Inoltre è nata ed è presente online da poco. Penso che per partire con una community di migliaia di utenti che si iscrivono e partecipano da subito, o raccoglierli nel giro di poco tempo, senza avere alle spalle un brand come -tanto per dirne uno a caso- Google, sia difficile per chiunque. Sempre sull'originalità, i mesi che hanno preceduto il lancio di Google Latitude hanno visto nascere un'infinità di servizi che proponevano soluzioni di localizzazione in tempo reale della propria rete di amici su mappa (e continuano ancora a nascerne, nonostante l'idea non sia più "originale"). Non credo che si possano bollare tutti come non-originali. Rincorrevano semplicemente un tema comune con soluzioni tecniche spesso simili, d'accordo, ma che indicavano quale era la direzione che si stava imboccando. Su questo tema ho recensito tempo fa su queste pagine l'applicazione per iPhone Mobnotes, iniziativa tutta italiana, che è stata per parecchio tempo una delle applicazioni più scaricate dall'AppStore di Apple. Non era originale, non presentava nulla di nuovo nei termini stretti di "originalità", eppure ha funzionato e funziona. Di nuovo (mi) domando: cos'è quindi l'originalità? Ed è così indispensabile in assoluto? Sul tema della privacy, io vorrei ricordare quella che è una considerazione pressoché basilare nell'utilizzo di queste applicazioni: le usi SE VUOI usarle. Ti iscrivi SE VUOI iscriverti. Ti rendi reperibile, disponibile, visualizzabile, localizzabile... SE VUOI renderti tale. Se NON vuoi, o non ti iscrivi oppure usi le opzioni di privacy per renderti invisibile a tutti. Mi domando a cosa serva usare un social network di questo tipo allora (ovviamente ci sono le reti di amicizie private, il che sono un altro discorso -ma le crei comunque all'interno di un network dove decidi di spartire delle informazioni con altri utenti selezionati-). Non ho risposte certe o assolute ovviamente, e chiunque è libero di esprimere la sua opinione. Però penso che in un panorama come quello italiano, dove ci si lamenta tanto (e spesso) della mancanza di iniziativa (e iniziative), occorra forse un po' più di entusiasmo nel dare il via ai progetti e nell'accogliere quelli che nascono e cercano di proporsi nel panorama (vastissimo) in questione. In questo caso We-sport, qualche mese fa Mobnotes e così via dicendo. Spesso poi alcune applicazioni trovano il loro successo su cerchie di utenti più ristrette e non diventando necessariamente "applicazioni di massa". Ma hanno comunque un'ottima ragion d'essere, a mio avviso. Infine, una domanda: spesso l'originalità non si gioca forse solo nei dettagli? Dell'iPod fu rivoluzionaria una rotella... ciao, fabio

M.A.
M.A.

Ma stiamo scherzando??? Ne esistono tantissimi di servizi simili a questo... ed è stato pure premiato ad 1 contest?! Magari per l'originalità! O per la community ampia ed attiva no?! 4 gatti tutti amici con 1 evento organizzato a settimana! Oppure per la cura per la della privacy degli utenti? tutti visibili su una mappa (magari con il loro indirizzo di casa)

dottavi
dottavi

Giampaolo, tutti, grazie per belle informazioni, forte vedere quanto... movimento ;) c'è in questo settore