Archives For travel

Diario de Tarifa

dottavi —  11 August 2014 — 1 Comment

castillo-guzman-tarifa

Qui la vita è:

Mi sveglio e mi faccio un caffè (con la moka). Lo bevo guardando il porto e le palme davanti casa oppure il Castillo Guzmàn e l’Africa, dall’altra parte (ho quattro finestre d’angolo).

tarifa-casco-historico

C’è rumore perché stanno facendo i lavori e qui è centrale, ma non mi dà fastidio. Sono cresciuto nell’angiporto di Sampierdarena, figurati, gru e Caterpillar mi piacciono. Dopo il caffè è il momento in cui dovrei scrivere ma cazzeggio, o dormicchio. Chissenefrega. Continue Reading…

Forrestgumpin’ China

dottavi —  23 March 2014 — Leave a comment

Dicevamo camminare, l’altra sera, con amici. Qualche anno fa Christoph Rehage si è giusto fatto una passeggiata. In Cina. Così.

Lo spot Audi “Land of Quattro” mi ha colpito. Non solo e non tanto perché diverso dalle solite pubblicità automobilistiche insulse, con gente che si butta da aerei, sbuffi di colore o macchine che saltano da un tetto all’altro – che non riesco proprio a capire. Ma perché quando ho visto i primi frame ho pensato “Finalmente un bel promo dell’Italia!”. E invece no, è lo spot di un’auto. Ma del tutto diverso dalle solite sciocchezze. Dettaglio campanilistico: quella chiesa sulla rocca col mare in tempesta è Porto Venere, in Liguria, vicino a La Spezia. Dettaglio social: sul sito Audi si trova in questa pagina, ma non si può condividere. Dettaglio di produzione: è dell’agenzia Verba, di Milano, con un team tutto italiano a cui vanno i complimenti. Altro dopo il video, spettacolare. E anche sul fatto che la pubblicità a volte riesce ancora a diventare contenuto interessante ci sarebbe da dire.

Continue Reading…

San Francisco: Dove Cercar Casa

dottavi —  30 October 2011 — 4 Comments

san-francisco-creative map

Ci sono due metafore che mi colpiscono in modo particolare di San Francisco. La prima, ovviamente non solo legata a questa città, è che le banconote di minor valore hanno i volti dei Padri della Patria – per esempio, il foglio da one dollah ha su George Washington – mentre quella da 100 ha su Benjamin Franklin, un inventore. La seconda, questa sì locale, è che la strada principale, il luogo geometrico, l’asse di simmetria (per quanto asimmetrico) di tutto si chiama Market. Inventori e mercato. Do you know what I mean?, come dicono da queste parti.

Questo è il punto – voglio dire, la linea – di riferimento principale per orizzontarsi a San Francisco. Che d’altronde è facile, essendo una cittadina molto più piccola di Milano, con solo 600.000 abitanti circa. Spalmati, però, su un’area molto vasta. Ecco qualche suggerimento per puntare al volo le zone di interesse.  Continue Reading…

One photo or two… This was my welcome this morning. Just missed: I settled things up to stay nearby, but in the meantime the startup space in Pier 38 has been shut down, with the offices of Automattic (the company behind WordPress) included – see photos below. Anyway. At least South Beach Marina is a great place to stay. Now the question is: where’re all the startups that used to be here?

Pier 38 Startup Coworking Automattic WordPress

Continue Reading…

Il titolo non si riferisce , una volta tanto, a nanotecnologie o particelle subatomiche ma alla tecnica fotografica del Tilt-Shift – qui su Wikipedia. Vengono fuori cose meravigliose come il video qui sotto. Se n’è parlato su Friendfeed e si può provare con TiltShiftMaker.

The Sandpit from Sam O’Hare on Vimeo.

Motociclista? Mai più viaggi solitari. Guido Bellomo è online con Riderpedia, iniziativa pensata proprio per creare e organizzare itinerari in gruppo. Un classico del viaggio in moto, ma non solo. Un esempio? Il Rally in Mongolia di un gruppo di vespisti: idea non nuova ma sempre affascinante e avventurosa. Più persone possono collaborare allo sviluppo di un singolo percorso aggiungendo informazioni, punti di interesse, tappe, e così via. Mentre lo si fa compaiono i suggerimenti di località già descritte dalla community. Alla fine si può scaricare il proprio Roadbook personalizzato in PDF. Insomma: è perfetto per lavorarci su con gli amici da qua all’estate. A proposito: qualcuno vuole venire a Tarifa, l’anno prossimo?

Riderpedia

Qui le ultime news: Riderpedia su Twitter.

E’ tornato Italia.it, “Portale ufficiale del turismo italiano”. Ha una storia lunga e travagliata, costellata di sprechi di denari pubblici, che avevamo seguito due anni fa a seguito del movimento di Ritalia.it. Se ne trova ombra in un mio vecchio post, ma il miglior recap – aggiungendo attuali riflessioni – lo fa come sempre Antonio Sofi, in questa pagina.

La Rete si è un po’ risvegliata, nonostante altre notizie ben più scottanti abbiano attirato l’attenzione, e si è un po’ discusso su stile e opportunità del sito. Sì, l’home page mostra evidenti ingenuità (due animazioni simili nella stessa pagina non si mettono, gli stessi bottoni due volte nella stessa pagina non si ripetono), e c’è anche un magazine bimestrale, testata registrata, di utilità non chiara, visto che ha sicuramente un costo. Ma s’è visto di peggio. E quindi?

Me lo son chiesto anch’io. E quindi sono andato sul sito del Governo, dove ho trovato i materiali della conferenza stampa. Nel video il Ministro Brunetta afferma che stavolta si spendono solo cinque milioni, che a tutta prima mi sembrano invece una cifra enorme. Poi però il Ministro Brambilla chiarisce che quel che si vede ora è solo la punta dell’iceberg.

Ritalia.it - Modello

Il modello complessivo del sito, afferma infatti nel video, e il concetto è ribadito nelle slide di presentazione che potete scaricare al link sopra e di cui pubblico qualche stralcio qui visto che non ci sono indicazioni contrarie, comprende infatti future estensioni “social” e, soprattutto, di marketplace. Oltre a Cerca Italia, “Meta motore di ricerca all’interno di portali turistici istituzionali”, ci sarà un “Trip Organizator” basato su un “Destination Management System”, il che a sua volta “Permetterà di promuovere e promo‐commercializzare gratuitamente pacchetti turistici tramite un portale di incoming e marketplace tra operatori e turisti (B2C) e anche tra operatori e operatori (B2B)”.

Non solo: sono previste funzionalità di social networking, wiki e presenza on-line:

Ritalia.it - Presenza on-line

Ora. Non me ne vogliano gli amici del 2.0, ma io preferivo un sito vetrina. Questo mi sembra business del web, non del Governo. Di iniziative private, non pubbliche. Di un settore, quello del turismo on-line italiano, che deve esser sicuramente stimolato e supportato, e che ha certamente bisogno di nuova concorrenza – ma non mi sembra questo possa essere il ruolo del Governo. Tutto il Web italiano, e quello turistico in primis, ha bisogno di strumenti, competenze, formazione, know-how e sì, certo, promozione, pubblicità, quello che vuoi. Ma si tratta di una vecchia regola di management: non fare, ma far fare. Altrimenti non si crea sviluppo. Mia modesta opinione, of course.

Queste le previsioni per l’autunno / inverno di Italia.it:

Ritalia.it - Roadmap

Bisognerà capirne di più. Ma risulta senz’altro inusuale che istituzioni pubbliche passino dalla parte dei gestori a quella dei fornitori di prodotto / servizio. Credevo toccasse a noi. Al mercato.

Gli iscritti, ovviamente, lo sanno. Per gli altri trovo comunque interessante segnalare che Dopplr, raffinato social network di viaggio che nasce dalla domanda di status “Dove stai andando?”, ha rilasciato il già tradizionale Personal Report. Due volte l’anno, infatti, il sistema ti manda un papeles come quello qui sotto, e ti dice come, quanto e dove hai viaggiato nell’anno.

Dopplr Report

Una bella forma di restituzione delle informazioni che crei nei Social Network. A volte anche implicite, per cui ti dice anche cose che non sai di te e delle tue stesse azioni. Affascinante.

PS Per analizzare meglio Dopplr ancora utile il workshop del 2007 tenuto da Stowe Boyd al Web 2.0 Expo di Berlino.

Ieri, tornando in treno da Venezia in mezzo a un bellissimo gruppo, si è parlato di mille cose, e mi è capitato di raccontare le novità di OpenStreetMap. Mentre parlavo il mio retropensiero era proprio su quanto poco ci si stia interrogando sulle potenzialità di nuove visualizzazione. Di come l’esposizione visuale delle informazioni, anche nel giornalismo. sia oggi relegata al concetto di “infografica”, come se fosse una roba di serie B. Mi chiedo davvero se il web debba per forza rimanere basato sul testo.

Combinazione stamattina trovo questo video, che estrae ed elabora dati da Twitter. Dice l’autore: “Looks for tweets containing the phrases ‘just landed in…’ or ‘just arrived in…'”.

Altre cose meravigliose sul suo blog

Lisbona - Alfama - Belvedere

Giro in Portogallo. Affascinante. A Lisbona mi sento come fosse seconda casaE i primi scatti sono di lì, in particolare dell’Alfama. Il mitico tram 28 – mitico davvero: non solo sti affari, che davvero ti chiedi come fanno a farcela, sono a scartamento ridotto, ma hanno anche un’interasse ridottissima, così riescono a superare pendenze e curve pazzesche.

Lisbona - Tram 28

Il posto moderno è il Centro Culturale di Belem. Poi Peniche, sull’oceano, e dintorni: Continue Reading…