Archives For data

Rise Of Social Commerce - infographic

 “Ci sono quasi tre miliardi di persone online. Questa infografica di Fedelta fornisce una serie di statistiche incredibili, fatti e cifre che illustrano perfettamente l’impatto dei social media sul business digitale”.

Internet-users-worldwide-2012-statistics

566,4%, per essere precisi. E’ la percentuale di crescita del numero degli utenti Internet nel mondo negli ultimi dodici anni. Il cui valore assoluto a Giugno 2012 arriva a due miliardi e mezzo. Poca roba, se pensiamo che la popolazione globale ha superato i sette miliardi. Soprattutto fa tenerezza rivedere i numeri del 2000: eravamo appena 360 milioni di utenti! Che follia la New Economy di quei tempi. Ma vabé, è servita a portarci qui – con qualche ritardo.

Più interessante il ranking. Gli Stati Uniti sono da sempre il punto di riferimento, e invece l’Europa ha il doppio degli utenti. Un’opportunità da non sottovalutare per un nuovo mercato esteso ma facilmente raggiungibile. E l’Asia il doppio di noi – più di un miliardo, cioè circa la metà degli utenti Internet totali. E’ chiaro che, a parte il problema delle lingue, si è spostato l’asse del pianeta.

InternetWorldStats

Repinly è un simpatico giochino. Permette alcune navigazioni verticali di Pinterest – per categoria, popolarità, altro – e offre un divertente sistema per programmare i Pin nel tempo. Offre anche qualche statistica interessante, vedi l’infografica qui sotto. Si scopre così che l’utente più popolare è Joi Cho, una designer e blogger di San Francisco con 14 milioni di follower (lo farà di mestiere?), che la categoria più usata è Food & Drink (ma non sono disponibili i dati su gattini e piedi), che le board più visitate  riguardano Home Decor e che Pinterest non è luogo di discussione, visto che solo lo 0,6% del tempo speso dagli utenti è dedicato ai commenti.

pinterest-statistics-infographic-most-popular-categories-average-activity-top-pinners

Data-never-sleeps-Internet-data-in-One-Minute-infographic

Oldie but goldie, come si usa dire. Un simpatico disegno del giugno scorso che rappresenta la quantità di dati prodotti in un minuto su Internet. Posto che i dati siano affidabili, impressionante il confronto tra il numero di post pubblicati su Tumblr e WordPress. Ma, soprattutto, angosciante il numero di e-mail. Ci estingueremo sotto il peso della posta elettronica.

Fonte: Domo

Google riesce sempre a stupire con qualche servizio meno noto, costruito aggregando pazientemente i dati disponibili. E’ il caso di Public Data che, come ovvio, permette di “Cercare nei dati pubblici” – per esempio Banca Mondiale ed Eurostat per l’Italia e parecchio altro se si cambia lingua, come World Bank e World Economic Forum per l’inglese. E’ lì, disponibile, e puoi usarlo anche per analizzare dati tuoi con i tool disponibili. Oppure puoi giocare con quel che c’è, come per esempio i dati della disoccupazione in Europa negli ultimi venti anni. E vedere come son messe le cose in alcuni Paesi europei. Così:

Non è un’immagine: passa col mouse sul grafico per vedere le percentuali. L’ho trovato in un post che parla di Trendalyzer, il software di Rosling. Qualcuno ricorda l’incredibile presentazione di Gapminder?

internet-decade

“Si vive a 4x”, si usava dire ai tempi. E’ la vita sul Web, più veloce di quella fisica. E “Se dieci anni sono un tempo lungo nella vita di chiunque, sul Web sono un’eternità”, sottolinea Mediabistro nell’intro all’infografica qui sotto che racconta, appunto, gli ultimi dieci anni della Rete. Dal 9 al 33% della popolazione mondiale. E ancora siamo solo all’inizio!  Continue Reading…

Ho appena ricevuto una nuova newsletter di Google, sull’analisi comparativa di Google Analytics. La definiscono “Un esperimento” che coinvolge solo “I siti web per cui è stata attivata la condivisione dei dati anonima con Google Analytics”. Un campione che misurano in centinaia di migliaia di siti. Il periodo, inoltre, è relativo a 1 novembre 2010 – 1 febbraio 2011, in confronto con 1 novembre 2009 – 1 febbraio 2010.

Fa un po’ impressione vedere statistiche in calo per numero di pagine medie per visita, tempo medio sul sito e frequenza di rimbalzo. Copio sotto (nota: quando si parla di “siti web” si fa riferimento “ai siti web in cui è stata attivata la condivisione di dati anonima con Google Analytics”).

Metriche relative ai siti

Rispetto a un anno fa, i siti web hanno registrato una riduzione del numero di pagine medie per visita, tempo medio sul sito e frequenza di rimbalzo.

1/11/09 – 1/2/10 1/11/10 – 1/2/11 Differenza
Pagine/Visita 4,9 4,5 -0,4
Frequenza di rimbalzo 48,2% 47,0% -1,2%
Tempo medio sul sito 5:49 5:23 -0:26

Continue Reading…

Me lo confermava una persona di Facebook Italia, non molto tempo fa, che le statistiche e i tassi di crescita di Facebook sono impressionanti. Così risulta anche a Social Bakers, risorsa straordinaria sul tema. Sotto un’immagine dei dati per country dell’ultimo mese.

Dopo il salto si trova una simpatica infografica che ripassa i momenti cruciali della storia dei computer. Ma ne dimentica uno fondamentale: il nostro Olivetti ELEA 9003. Disegnato da Ettore Sottsass (ne avevo parlato qui), è tra i primissimi computer transistorizzati, uscito prima dell’equivalente IBM. Interessante ripercorrere la storia dell’azienda in quegli anni, grazie al bel video qui sotto con il contributo, tra l’altro, di Elserino Piol. Al minuto 2:50 Franco Filippazzi, allora responsabile della ricerca elettronica, racconta di come i finanziatori abbiano affrontato un momento di crisi: “Olivetti è una bella azienda ma ha un neo che dev’essere estirpato, e questo neo è l’elettronica”. Non so come, ma la trovo una storia attuale.  Continue Reading…

Di seguito la grafica elaborata da Focus – qui lo zoom. Sinceramente, non convince. Dice che l’Europa è dietro agli Stati Uniti in quanto produttività, però nel decennio 2000 – 2010 il nostro GDP (ovvero il PIL) è cresciuto più del loro. Altro dato che stupisce è l’affermazione “Labor market participation by 55-64 year olds is 37% in Italy compared to 65% in the US”. Forse non contano i politici.

Productivity, Europe vs United States

Ricevo da Experian e giro. Monitoraggio di Hitwise Search Engine Analysis Tool, qui il loro comunicato con altre informazioni. Dati relativi al mercato americano. Ultimo mese:

Distribuzione delle ricerche effettuate sui principali motori di ricerca (%)
Dominio Settembre 2010 Agosto 2010 Variazione set/ago
www.google.com 72,1% 71,5% +1%
search.yahoo.com 13,5% 14,2% -2%
www.bing.com 10,1% 9,8% +2%
www.ask.com 2,3% 2,2% +4%

Anno su anno:

Distribuzione delle ricerche effettuate sui principali motori di ricerca (%)
Dominio Settembre 2010 Settembre 2009 Variazione 2010/2009
www.google.com 72,1% 71,0% +1%
search.yahoo.com 13,5% 16,3% -17%
www.bing.com 10,1% 8,9% +13%
www.ask.com 2,3% 2,5% -8%

Facebook Facts And Figures

dottavi —  2 September 2010 — Leave a comment

E’ del marzo scorso, ma trovo solo ora. Utile ricostruzione di storia e risultati di Facebook.

Facebook facts and figures